Vai alla home di Parks.it
Banner Locale per la promozione del territorio

Percorso verde

Sentiero pedonale autoguidato e percorso ginnico

A piedi         
  • Partenza: parcheggio del Lago Valtiverno
  • Tempo di percorrenza: 2 ore 30 minuti
  • Lunghezza: 4 km
  • Dislivello: 100 m
  • Segnavia: segnato frecce verdi
  • Carte: ICM 1:25.000 foglio 69 11 NE

 

Partendo dal parcheggio del Lago Valtiverno, si percorre la strada sterrata in direzione Belairo. Salendo sulla collina e lasciando alle spalle il lago, si attraversa una zona coltivata a vigneto. Sulla sinistra, nei pressi della prima area attrezzata, si possono ammirare, nel mese di maggio, numerose orchidee. Nelle ore più calde, con un po' di fortuna, si può osservare il volteggiare della poiana. Il percorso prosegue in cresta costeggiando vigneti e pioppeti. Volgendo a destra e guardando il fondovalle sono ben visibili zone in cui le coltivazioni hanno ceduto il posto all'incolto. Esse rivestono un certo interesse di carattere naturalistico in quanto rappresentano una delle fasi di trasformazione da aree coltivate ad aree boschive. Proseguendo si raggiunge il Bricco dei Tre Vescovi che fino al secolo scorso segnava il punto di intersezione tra le giurisdizioni dei tre Vescovati di Asti, .Alessandria e Acqui (c'è ancora il cippo di demarcazione). In questa zona si trova la seconda area attrezzata. Il percorso riprende per un tratto abbastanza pianeggiante sulla dorsale tra fitti boschi di castagni, robinie, querce e ornielli che in primavera lasciano spazio a splendide fioriture di primule, viole, gigli, orchidee, rose canine. Proseguendo sul crinale si incontra la terza area attrezzata all'ombra di un giovane querceto a prevalenza di rovere con sottobosco molto luminoso per la struttura leggera delle chiome degli alberi che favorisce un'abbondante fioritura (gigli, sigillo di Salomone, orchidee e mughetti). Questo è l'habitat preferito del picchio rosso maggiore, vorace insettivoro che nel periodo della riproduzione, in primavera, si può osservare compiere il caratteristico volteggio a spirale intorno agli alberi.
Lasciato il querceto il sentiero si snoda per un breve tratto in discesa tra castagni, aceri e ornielli e poi torna pianeggiante attraversando boschi di robinie fino a raggiungere Serra dove è situata l'ultima area attrezzata (punto di riferimento anche per il percorso equestre), prima di scendere nel fondovalle.
A partire dalla Cascina dei Tre Vescovi fino a Serra si snoda un percorso ginnico guidato.
Seguendo i sedici pannelli indicatori ed utilizzando gli attrezzi dislocati lungo il sentiero è possibile praticare attività sportiva in un ambiente incontaminato.
Riprendendo il percorso da Loc. Serra, si scende dolcemente tra vigneti abbandonati e boschi di robinie. Man mano che si raggiunge il fondovalle solcato da rii e sorgive si può notare il cambiamento climatico: dalle temperature più calde e asciutte dei dossi (clima sub-mediterraneo) si passa a quelle più fresche e umide della Valle Valtiverno (clima sub-atlantico). Di conseguenza si può notare un cambiamento della vegetazione con piante mesofile ed igrofile quali sambuco, nocciolo selvatico, ontani, salici, felci.
Nel tardo inverno si possono osservare intense fioriture di primule, epatica, dente di cane. Nelle zone umide di fondovalle numerose sono le tracce di mammiferi quali il cinghiale, la volpe, il tasso.

 

 


 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2019 - Ente di gestione del Parco paleontologico astigiano