Vai alla home di Parks.it

Parco Naturale dei Monti Aurunci

Banner Locale per la promozione del territorio

L'Area Protetta

Carta d'identità

  • Parco Naturale Monti Aurunci:
    • Superficie a terra (ha): 19.374,00
    • Regioni: Lazio
    • Province: Frosinone, Latina
    • Comuni: Ausonia, Campodimele, Esperia, Fondi, Formia, Itri, Lenola, Pico, Pontecorvo, Spigno Saturnia
    • Provv.ti istitutivi: LR 29 6/10/1997
    • Elenco Ufficiale AP: EUAP1035
  • Altre aree protette gestite:
    • VR Acquaviva Cima Monte Quercia Monaco
    • VR Mola della Corte

 

 
La Natura (Archivio Ente)
La Natura

La Natura

Il Parco Naturale dei Monti Aurunci vanta un territorio eterogeneo, compreso in una fascia altimetrica che va dalla pianura a circa 30 metri sul livello del mare fino alla quota di 1535 metri sul livello del mare del Monte Petrella che si erge a poca distanza dalla costa. La catena dei Monti Aurunci possiede un misterioso fascino, segnando la conclusione del più importante sistema montuoso del Preappennino Laziale, di cui fanno parte anche i Monti Lepini e i Monti Ausoni. Gli Aurunci hanno la particolarità di essere l'unica catena montuosa laziale ad affacciarsi direttamente sul Mare Tirreno con vette che superano i 1.500 metri.

Altre informazioni

Geologia (C.Palombo)
Geologia

Geologia

I Monti Aurunci, insieme ai Monti Lepini e ai Monti Ausoni, costituiscono la porzione sud-occidentale della piattaforma carbonatica "Laziale-Abruzzese", una struttura geologica che si estende per circa 1.230 kmq con le medesime caratteristiche litologiche e morfologiche. L'assetto geologico attuale di questo territorio è il risultato di una lunga serie di eventi che si sviluppano lungo una arco temporale di 150 milioni di anni, dal Giurassico al Paleocene.

Altre informazioni

Flora

Il territorio del Parco racchiude una grande varietà di ambienti, ciascuno caratterizzato da un particolare tipo di vegetazione. Faggete sono presenti sulla vetta del Monte Faggeto e sui versanti settentrionali del Monte Putrella o a Fossa del Lago dove si può ammirare uno degli esemplari più maestosi di faggio del Parco. Nel sottobosco si possono apprezzare l'agrifoglio e la dafne della faggeta. Il pianoro di Valle Gaetana è caratterizzata da colonnari alberi di cerro e piante di mele e pere di dimensioni considerevoli. I castagni accolgono il visitatore all'inizio di Campo di venza, mentre i boschi di roverella, con il sottobosco arricchito dall'endemica olivella, fanno da cornice al pianoro di Sant'Onofrio e a quello di Valle Vona.

Altre informazioni

Moscardino (Foto G.Biddittu)
Moscardino

Fauna

L'eterogeneo paesaggio del Parco dei Monti Aurunci costituisce l'ambiente ideale per diverse specie animali. In primavera, i prati, i boschi e le aree coltivate sono animati da una moltitudine di insetti, tra cui due specie di lepidotteri, la Bianconera italiana e la Mnemosine, farfalle comuni sui versanti di Monte Altino e Monte Revole. Il settore meridionale del Parco è crocevia delle importanti rotte migratrici primaverili e rappresenta un punto di sosta per molti uccelli migratori, come il rigogolo, il cuculo e le rondini. Tra gli uccelli notturni ci sono l'usignolo e il succiacapre, ma anche rapaci come la civetta, il gufo e il barbagianni, l'assiolo e l'allocco. Diversi sono i rapaci diurni come il falco pellegrino e la poiana che nidificano preferibilmente sui versanti scoscesi di Monte Sant'Angelo e Monte Fammera.

Altre informazioni

Il Paesaggio

Il territorio del Parco offre continue emozioni e propone al turista, all'escursionista o all'appassionato naturalista, incontri sempre speciali con la natura, la storia e le tradizioni. Per vie scoscese, tornanti, strade che solcano la montagna si penetra in un paesaggio eterogeneo, volubile, erto e brullo, selvaggio e rigoglioso, digradante fino al mare e issato su costoni di roccia abbellita da grotte e doline.

Altre informazioni

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2017 - Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci