Vai alla home di Parks.it

Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni

www.cilentoediano.it

La selvaggia bellezza della natura

La Grotta e la risorgenza dell'Auso

A piedi         Elevato interesse: flora Elevato interesse: fauna Elevato interesse: geologia 
  • Partenza: Ottati (180 m)
  • Arrivo: Risorgenza dell'Auso (280 m)
  • Tempo di percorrenza: 1h 50min
  • Difficoltà: E - Escursionistico
  • Lunghezza: 1 km
  • Dislivello: 100 m
  • Periodo consigliato: da gennaio a dicembre

Lungo la strada che circonda gli Alburni, tra gli abitati di Ottati e Sant'Angelo a Fasanella, si costeggia sulla destra la spettacolare risorgenza carsica dell'Auso che raccoglie e drena le acque sotterranee provenienti dall'intero settore centrale del massiccio montuoso. Imboccando una stradina all'altezza di Sant'Angelo a Fasanella che conduce all'omonimo torrente, si arriva all'inizio del percorso, dove la selvaggia bellezza della natura è stata completata dall'opera dell'uomo. Scavalcando un caratteristico ponte in pietra a schiena d'asino si arriva nei pressi del Vecchio Mulino, alimentato dalle stesse acque dell'Auso, che più in alto fornivano l'energia per mettere in rotazione la turbina della vecchia centrale idroelettrica.
Entrambi tipici esempi di archeologia industriale. Oltre alla risorgenza dell'Auso, sulla sua sinistra orografica ed all'incirca alla stessa quota, è presente la risorgenza della Festola, uno scarico dell'Auso, che si attiva in concomitanza di grossi eventi meteorici.


Sorgente Auso Diga e cascata
Sorgente Auso Diga e cascata
Sant'Angelo a Fasanella Castello baronale
Sant'Angelo a Fasanella Castello baronale
Sorgente Auso Ponte medioevale e mulino
Sorgente Auso Ponte medioevale e mulino


 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2018 - Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano