Vai alla home di Parks.it
Mappa interattiva
Mostratevi online ai lettori di Parks.it

Zecche: istruzioni per evitarle

(Sabaudia, 15 Giu 21) Il forte cambiamento climatico degli ultimi anni ha portato ad una maggiore proliferazione della zecca in tutta Europa e con l'arrivo della primavera e per tutto il successivo periodo estivo frequentando le aree aperte e soprattutto quelle boschive del Parco e in zone dove è presente fauna selvatica, bisogna stare attenti.

Questi parassiti costituiscono un'insidia poiché possono essere vettori di alcune malattie trasmesse proprio da questi artropodi, come la Malattia di Lyme; l'Encefalite da zecche; la Febbre bottonosa del mediterraneo.

La presenza di questi parassiti è una realtà con cui è necessario imparare a convivere e non deve indurre a rinunciare all'esperienza di una visita o di passare del tempo all'area aperta; deve però essere tenuta in debita considerazione, al fine di prendere le dovute precauzioni.

Di seguito si riportano alcuni consigli utili per proteggersi da questa insidia "naturale";

  • Utilizzare repellenti sulla pelle e sui vestiti (i repellenti specifici per abiti non devono essere usati anche sulla pelle) e indumenti protettivi che coprono la testa, le braccia e le gambe e che contribuiscono a evitare/limitare i morsi di zecca. Le sedi preferite dove più frequentemente si attaccano sono soprattutto l'incavo del ginocchio, le ascelle, la nuca, l'attaccatura dei capelli o l'area dietro le orecchie.
  • Camminare su sentieri evitando di passare nell'erba alta e vicino a cespugli;
  • Dopo aver trascorso del tempo all'aria aperta, togliersi gli abiti prima di entrare in casa ed esporli alla luce del sole, oppure lavarli
  • Rimuovere rapidamente le zecche con l'aiuto di pinzette, facendo velocemente una leggera torsione per staccarla, senza schiacciarla avendo cura di rimuovere tutto il corpo l'animale anche il capo. Dopo la rimozione disinfettare la ferita.
  • Qualora si manifestino sintomi quali febbre o dolori muscolari contattare prontamente il proprio medico curante o rivolgersi a un pronto soccorso ospedaliero.
  • Controlla anche i tuoi amici a quattro zampe, che nell'area parco sono da tenere sempre al guinzaglio anche per evitare che possano essere ospiti.
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
© 2021 - Ente Parco Nazionale del Circeo