Vai alla home di Parks.it

Parco Nazionale dei Monti Sibillini

www.sibillini.net

PARCO: AL VIA IL MARTELLOSCOPIO, PROGETTO PER LA GESTIONE DELLE FORESTE

(Visso, 29 Ago 20) Ieri mattina, nella faggeta dell'area demaniale di Monte Castel Manardo, è stato consegnato al Parco Nazionale dei Monti Sibillini e all'Unione Montana dei Sibillini il "Martelloscopio", un progetto realizzato da ForRestMed, spin off dell'Università di Bari "Aldo Moro", in collaborazione con Parco e Unione Montana nell'ambito dell'iniziativa AnkON per i Sibillini organizzata e finanziata dal Rotary Club Ancona.
Che cosa è il martelloscopio? Un termine che deriva da "martellata", operazione con cui lo studioso o il tecnico di foreste individua e segna con il martello forestale gli alberi che in un bosco devono essere tagliati per migliorare le condizioni di vita dell'intera comunità del bosco. "La finalità del progetto è quella di coadiuvare i tecnici nella gestione selvicolturale di una giovane faggeta a prevalenti funzioni naturalistiche" sottolineano Patrizia Tartarino, docente di Dendrometria e Assestamento forestale del Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali e Territoriali dell'Università di Bari e Roberto Greco vicepresidente di ForRestMed. "Abbiamo realizzato un'aula all'aperto dove si può imparare il valore del bosco e, soprattutto, il valore di una gestione ottimale di una foresta che punti a trasformarsi da ceduo in fustaia, ossia in un complesso boschivo di grande qualità sia dal punto di vista naturalistico che, eventualmente, economico considerando che il faggio da fustaia è un legno di pregio. Un'esperienza pilota che sta dando e potrà dare importanti risultati anche sul piano scientifico e formativo".
Complessivamente l'area interessata dal progetto si estende su una superficie di 6.120 mq e coinvolge 284 alberi. È suddivisa in due livelli, il primo che riguarda una superficie di 1.080 mq con un utilizzo di tipo educativo, rivolto prevalentemente alle scuole e alle persone interessate alla comprensione delle dinamiche legate ad una corretta gestione del bosco, il secondo invece comprende il totale della superficie ed è destinato ad una utenza tecnica.
Come funziona il martelloscopio? Dopo un primo step informativo con un esperto, i partecipanti vengono condotti nella faggeta ed invitati a valutare le caratteristiche di ogni albero, numerato progressivamente, e a decidere quali alberi siano da tagliare e quali da salvare in base a dei fattori come la valenza ecologica, la logistica, la sicurezza, aspetti fitosanitari, etc… Ad ogni partecipante viene fornito un quaderno di campo con tutte le informazioni necessarie. Alla fine dell'esperienza i dati vengono rielaborati ed il risultato verrà discusso con l'esperto per capire i possibili effetti dell'operazione selvicolturale proposta.
"Il martelloscopio è un progetto di avanguardia nella gestione forestale, e sono felice di averlo potuto accompagnare sin dalla sua origine. Il patrimonio boschivo, spesso poco considerato, rappresenta una risorsa fondamentale quanto quello faunistico, e poter approntare strumenti innovativi per la sua tutela e valorizzazione è un obiettivo strategico per il Parco". A parlare è Carlo Bifulco, direttore del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, con un'importante formazione in ingegneria naturalistica. "Quando il progetto sarà messo a sistema, oltre alla sperimentazione virtuale del taglio rivolta ai tecnici, sarà interessante aprirsi al mondo della scuola, agli studenti non solo universitari, per infondere una cultura del rispetto e della valorizzazione delle foreste. Che sono anche salute e benessere, e su questo apriremo a breve un altro fronte con i percorsi di forest bathing. Ma, intanto, il "martelloscopio" è una realtà, e siamo i primi nelle Marche ad averlo realizzato grazie al Rotary, all'Università di Bari e all'Unione Montana dei Sibillini. Potranno sperimentarlo tutti, anche ragazzi dai 10 anni in su, e sarà uno strumento didattico interessante a disposizione dei Centri di Educazione Ambientale del Parco".

 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2020 - Ente Parco Nazionale dei Monti Sibillini