Vai alla home di Parks.it

Area Marina Protetta Tavolara
Punta Coda Cavallo

www.amptavolara.it
 

Prodotti

Le Tradizioni Gastronomiche

La cucina gallurese, quella degli stazzi dei pastori e dei contadini, ha origini antichissime ed è basata sull'utilizzo di prodotti della terra e dell'allevamento. Più scarna è la tradizione legata ai piatti di mare riservata storicamente alle città di Olbia, La Maddalena e ai centri lungo la costa.
Si tratta di una cucina essenziale, caratterizzata da sapori forti. Dalla cultura pastorale ha ereditato l'uso della carne: agnello, capretto e maialino da latte, detto in gallurese Pulcéddu, che viene arrostito a lungo con legna di leccio, lentisco e corbezzolo.
La pesca riveste un ruolo marginale nell'economia isolana e in Gallura è stata praticata prevalentemente negli stagni e lungo i fumi. Chi viveva lungo la costa, invece, utilizzava focine o strumenti più rudimentali per catturare polpi, seppie, murene e qualche scorfano. Diffusa era anche la raccolta dei bocconi e di altri frutti di mare. Le attinie, bultighjata in gallurese, erano ritenute una vera specialità e negli stazzi venivano infarinate nella semola e fritte nell'olio di lentisco.

Trovati 1 risultati (Ordinamento: Categoria > Prodotto)
Tante la essenze da cui si ricava il miele sardo: l'arancio, tenue e acidulo, il corbezzolo dal sapore forte e amaro, l'erica forte e rosseggiante, il cisto, dall'aroma vagamente salino, il timo, aromatico e penetrante e infine l'eucalipto...
Categoria: Miele
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
© 2022 - Consorzio di gestione Area Marina Protetta Tavolara Punta Coda Cavallo