Vai alla home di Parks.it

L'Area Protetta

Carta d'identità

  • Parco Regionale Groane:
    • Superficie a terra (ha): 3.400,00
    • Regioni: Lombardia
    • Province: Monza e Brianza, Milano
    • Comuni: Arese, Barlassina, Bollate, Bovisio Masciago, Ceriano Laghetto, Cesano Maderno, Cesate, Cogliate, Garbagnate Milanese, Lazzate, Lentate sul Seveso, Limbiate, Misinto, Senago, Seveso, Solaro
    • Provv.ti istitutivi: LR 31 20/08/1976 - LR 12/2011
  • Altre aree protette gestite:
    • ZSC Boschi delle Groane
    • ZSC Pineta di Cesate

Lo Statuto del Parco (527Kb)

 

 
Pineta di Cesate

Il Parco delle Groane

Il Parco delle Groane è una area protetta regionale che si estende per oltre 3.400 ettari all'interno della grande metropoli nord milanese. Tra case, palazzi e industrie sopravvivono, protetti, gli ultimi boschi di grandi querce e svettanti pini silvestri; vaste lande di brughiera si colorano dell'intensa fioritura della calluna a fine estate; vecchie rovine di fornaci segnano il paesaggio con il loro muri i mattoni; antiche ville patrizie segnano con i loro giardini il paesaggio di un tempo che fu.
Il Parco Regionale è stato istituito nel 1976, per forte volontà dei Comuni e della Regione Lombardia, e dal 1984 dispone di un piano territoriale che disciplina l'uso delle aree, in armonia fra conservazione della natura, agricoltura e turismo. Le riserve naturali che vi sono incluse rappresentano siti di interesse comunitario. Tutto questo dentro la città, fra il brulicare del traffico e delle attività in continuo fermento.
Il Parco delle Groane è gestito da un Consorzio fra i Comuni e la Provincia di Milano. Il Consorzio acquista i terreni del Parco, rimboschisce le aree nude, migliora i boschi, tutela la natura. In questo ambiente scampato alla urbanizzazione, il Consorzio Parco Groane ha realizzato una rete di piste ciclabili, che consentono di immergersi nel verde, senza allontanarsi dalla città.

Laghetto Manuè

Il Paesaggio

Il Parco delle Groane occupa il più continuo ed importante terreno semi naturale dell'alta pianura lombarda a nord ovest di Milano.
Si tratta di un territorio di brughiera di peculiare interesse geologico, costituito da ripiani argillosi "ferrettizzati" che determinano una specificità ambientale e floristica.

La Flora

Le quercete
Sono i boschi più maturi del parco, con le loro possenti farnie e roveri, a cui si alternano le betulle, gli aceri, i carpini bianchi, e negli angoli più freschi, i frassini, qui vive la fauna più interessante: la volpe, lo scoiattolo, il picchio rosso maggiore, il ghiro, il gheppio, il gufo comune e tanti altri animali, che, con pazienza e tranquillità, si potranno vedere.

Le brughiere
Sono vaste praterie, caratterizzate da un piccolo arbusto, il brugo o calluna, un'erica che a fine agosto esplode in rigogliose fioriture rosate; assieme ad essa si trovano splendidi fiori come la genziana pneumonante i il ranuncolo, il raro salice rosmarinifoglia, giovani betulle e, nei ristagni d'acqua, acuminati giunchi e la elegante tifa. Nel Parco sopravvivono le ultime brughiere del milanese, a Castellazzo, nei Boschi di Cesate, a Cà del Re e all'Altipiano di Seveso.

Le pinete
Sono radi boschi di pino silvestre, soprattutto a Cesate, impiantati dai forestali del XVIII secolo: i tecnici di MariaTeresa d'Austria speravano di riuscire a dominare il difficile terreno argilloso con questa specie frugale e rustica.
Di fatto la pineta ha attecchito ma vive in condizioni estreme di areale, e le piante oltre i vent'anni non si sviluppano più, e col tempo finiscono con i deperire. Gradatamente, al loro posto si insedia il bosco di querce.

La Fauna

I boschi del Parco sono popolati da numerosi mammiferi e uccelli, alcuni anche rari.
Con pazienza, si può scorgere lo scoiattolo, la donnola, la volpe; e poi il picchio rosso maggiore quello verde, l'upupa, le cince, i fringuelli, l'airone cenerino, il raro tarabusino; tra i rapaci diurni è comune la poiana e il gheppio, mentre nidifica il raro falco pecchiaiolo.
Di notte il parco è territorio del gufo comune, dell'allocco e dell civette. Nelle polle d'acqua numerosi e pregiati sono gli anfibi: la rana di lataste, la rana dalmatina e quella verde, il raro tritone crestato.

Altre informazioni

La Geologia

Substratro geologico
L'origine delle Groane, come di tutta la pianura Padana, risale all'ultima era geologica - la neozoica o quaternaria.
Nell'era terziaria, infatti, tutta la Padania era ricoperta dalle acque. L'era quaternaria è stata poi divisa in due periodi: uno più antico, il pleistocene, detto diluvium ed uno più recente, l'olocene, detto alluvium che si protrae fino ai nostri giorni.

Altre informazioni

Le Fornaci

Le Groane sono un territorio di brughiera di particolare interesse geologico, costituito da ripiani argillosi "ferrettizzati" che rendono l'ambiente assai particolare. Deve il suo nome, probabilmente, proprio al suo terreno duro e poco coltivabile, formatosi durante l'epoca preistorica quando il vento depose il "loess", una sorta di manto di parecchi metri di spessore composto di argilla, sabbia, silt (materiale detritico).

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2017 - Parco delle Groane