Vai alla home di Parks.it

Parco Naturale Regionale Molentargius - Saline

Banner Locale per la promozione del territorio

Punti d'interesse

 
 

Le Saline

La storia del Molentargius è legata alla storia delle Saline e questo stretto rapporto è chiaramente visibile quando si osserva dal colle di Monte Urpinu il disegno di canali, stagni ed edifici.
Oggi avvicinandosi alla sede del Parco, si attraversa la Città del Sale della Palma impiantata alla fine degli anni venti del 900 e ultima rappresentante della lunga storia delle Saline di Cagliari iniziata con i Fenici e terminata nel 1985 in seguito all'inquinamento delle acque, evento che tutti i cittadini di Cagliari non possono dimenticare in quanto causa di una svolta nel rapporto tra la Città e l'area umida.
Dopo i Fenici, Punici e Romani furono tutti grandi esportatori del sale, ma fu sotto i Giudici che le Saline acquistarono importanza internazionale per poi essere utilizzate ancora dai Pisani, dagli Aragonesi, dagli Spagnoli e dai Piemontesi.
Il lavoro nelle saline, duro e faticoso, ha subito nel tempo modifiche e intorno al 1830 ci fu una riorganizzazione tecnologica e idraulica: furono introdotte le viti di Archimede, mosse da cavalli, che trasferivano l'acqua da una casella salante all'altra e si iniziò lo scavo dei canali. Una innovazione fu l'installazione nel maggio del 1851, a Molentargius, di un potente motore a vapore per la circolazione delle acque in sostituzione delle viti di Archimede, mosse dall'uomo o dai buoi, e delle catene di secchi trasportati da uomini e bambini. Oggi gli edifici della Città del Sale tra fabbricati industriali, edifici comunitari e abitazioni degli operai sono in parte abbandonati, tra quelli ancora utilizzati ricordiamo la vecchia direzione oggi sede degli uffici della Direzione dell'Azienda Autonoma Monopoli di Stato l'Edificio e l'edificio Sali Scelti, precedentemente destinato alla purificazione del sale ad uso industriale, ed è oggi grazie ad un restauro effettuato nel 2004 sede del Parco. Anche se la produzione del sale è ormai interrotta la circolazione idrica nelle vasche evaporanti e salanti viene mantenuta al fine di salvaguardare i delicati habitat per la flora e la fauna.

Altre informazioni


 
 

Le Fortificazioni

All'interno del Parco sono presenti molte postazioni militari ascrivibili ai numerosi sistemi difensivi realizzati in Sardegna nel periodo bellico 1940-1943. Le strutture appartennti al "FRONTE A TERRA DI CAGLIARI" rappresentavano un fondamentale presidio a difesa di Cagliari, sia contro sbarchi dal mare che contro attacchi dall'entroterra e rivestono oggi un interesse storico-artistico rilevante.
Il Fronte a terra è una linea difensiva, composta da gruppi di opere definite capisaldi, che riprende l'andamento del perimetro urbano della città di Cagliari e che serviva da sbarramento e protezione del porto.

Altre informazioni


share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2017 - Consorzio del Parco Naturale Regionale