Vai alla home di Parks.it

Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

www.gransassolagapark.it
Mappa interattiva
Mostratevi online ai lettori di Parks.it

Torricella Sicura

Ingresso ai Monti della Laga

Torricella Sicura
Valle Piola
Soggiorni
Dove dormire a:
Torricella Sicura
 

Descrizione e Cenni storici
Il Comune di Torricella Sicura comprende un territorio situato a Nord-Ovest di Teramo che parte da quota 286 m slm e arriva fino a 1572 m slm. Il paesaggio offre tratti boscosi di querce, carpini ed aceri con numerosi torrenti ricchi di abbondanti acque che dai declivi confluiscono a nord nel torrente Vezzola ed a sud nel fiume Tordino. Il nome deriverebbe dalla presenza di un antico castello, di cui, peraltro, oggi non rimangono molte tracce. Il termine "Sicura" sembra possa derivare da "Sicula", riferendosi alla presenza in zona dei Siculi intorno al I millennio a.C.
Il castello sorgeva probabilmente su una collinetta posta a nord dell'attuale abitato che la popolazione ancora chiama "lu castille" o Colle Ciliegio. Luigi Ercole, sul finire del 1700, riferiva sulla scoperta di una galleria sotterranea che dal castello portava verso la campagna circostante con le testuali parole "Eravi un castello oggi diruto e non ha molto, si scoprì una strada sotterranea, nella quale furon trovate alcune armi arrugginite e che dal castello avea l'uscita nella campagna". Secondo una leggenda popolare sotto Colle Ciliegio ci sarebbe una grotta con un tesoro protetto da un enorme serpente; pur se con esagerazioni, la leggenda coincide nell'affermazione dell'esistenza del passaggio sotterraneo. Ma la storia e il fascino di Torricella Sicura sono legati altresì alle sue frazioni, con le numerosissime località abitate: Ioannella (con Poggio Valle, Pastignano, Popolo e Valle Piola), S. Stefano (con Abetemozzo, Borgonovo, Poggio Rattieri, Corvacchiano, Faognano, Ginepri, Magliano, Magliano da Capo, Magliano da Piedi, Ricci, San Felice), la stessa Torricella Sicura (con Piano Grande, Antanemuccio, Fornaci, Morricone, Progetto, S. Pietro, Costumi, Sciarra, Tizzano, Tofo): come pure ha scritto il Di Cesare, ognuno di queste località, di cui alcune risalenti ad epoche arcaiche, meriterebbe una sua storia a parte.
Probabilmente Torricella capoluogo ha avuto origine nel periodo cosiddetto delle "incastellazioni" e quindi, intorno al IX e X secolo, ed era un borgo fortificato. Nel periodo normanno i documenti menzionano "Turricella" come "villa" di Teramo. Via via nel tempo il borgo acquisterà una sua importanza, tanto da erigersi nel secolo XVII ad "Università" autonoma da quella di Teramo. In ogni caso si trattava di una Università relativamente popolata: contava infatti 20 fuochi (nuclei familiari di 4/5 unità) nel 1648, 45 fuochi nel 1669 e 44 fuochi nel 1736.
Nel 1813 Torricella contava 1548 abitanti e dopo lannessione di alcune piccole Università e Feudi della zona, che, a causa della minuscola entità, erano stati aboliti.
Con l'Unità d'Italia, Torricella diventa Comune autonomo.

  • Abitanti: 2701
  • Altitudine: 460 metri slm

Altre informazioni

Provincia: Teramo Regione: Abruzzo
Sito ufficiale: www.comune.torricellasicura.te.it

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
© 2021 - Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga