Vai alla home di Parks.it
Banner Locale per la promozione del territorio

Un volano per il turismo: l’asino pantesco torna a Pantelleria

(Pantelleria, 08 Apr 21) L'asino pantesco ritornerà molto presto sull'Isola di #Pantelleria. Firmato stamane l'accordo tra la Regione Sicilia – assessorato all'Agricoltura, Dipartimento Sviluppo rurale –  e il Parco nazionale Isola di Pantelleria. Questo ritorno, come ha spiegato il presidente del Parco Salvatore Gabriele, offre valore aggiunto «alla centralità dello sviluppo rurale e dell'agricoltura, che rappresentano occasioni importanti per il rilancio turistico dell'isola». E proprio su questo rilancio il Parco nazionale sta lavorando a fianco degli operatori e della comunità, sostenendo la proposta di rendere Pantelleria Covid free in vista della stagione estiva. Una proposta già condivisa dal Presidente della Regione e in fase di organizzazione. Il Governatore Musumeci, infatti, in più occasioni ha sottolineato la necessità di attivare un iter per rendere le Isole minori della Sicilia Covid free.

A Palazzo Orléans, l'assessore regionale dell'Agricoltura, Toni Scilla, il direttore del dipartimento dello Sviluppo rurale e territoriale, Mario Candore, e il direttore del Parco nazionale di Pantelleria, Antonio Parrinello, alla presenza del presidente del Parco, Salvatore Gabriele, e il direttore generale del dipartimento Agricoltura, Dario Cartabellotta, hanno sottoscritto un accordo finalizzato alla reintroduzione nel territorio dell'Isola di Pantelleria della razza asinina dell'"Asino pantesco", alla sua tutela, conservazione e valorizzazione. 

Si tratta di una razza rara, presente nell'habitat originario dell'Isola dal primo secolo a.C. Sono asini caratterizzati da una straordinaria resistenza alle condizioni di estremo disagio, compresa la mancanza d'acqua, e dall'andatura veloce, ma che nei decenni passati rischiò l'estinzione. Dal 1989 l'ex Azienda regionale Foreste "San Matteo" a Erice ha avviato un progetto pilota per la ricostituzione della razza asinina pantesca e nel 2006 questo asino è stato ammesso al registro anagrafico delle razze/popolazioni equine.

Gli esemplari, attualmente presenti nell'allevamento a Erice, sono uno stallone e diverse riproduttrici. Nelle prime fasi di reintroduzione si valuterà la capacità di adattamento nelle campagne di Pantelleria e progressivamente verranno inseriti a pieno titolo nell'attività rurale dell'isola.

«Questo accordo è un segnale importante di come il governo Musumeci sia attento alle esigenze che provengono dal territorio, a partire dalle periferie che possiedono grandi potenzialità – sottolinea l'assessore regionale dell'Agricoltura, Toni Scilla – La sinergia tra la Regione e l'isola di Pantelleria punta a salvaguardare e rilanciare il territorio anche per l'aspetto socio-economico».

Il Direttore Parrinello ha ricordato come «il recupero di una razza che rischiava l'estinzione e che invece caratterizza la tradizione pantesca consentirà di fare diventare questi esemplari elementi importanti dell'attività turistica, escursionistica, anche puntando sulla destagionalizzazione».

 Il primo appuntamento in cui l'asino pantesco avrà un ruolo da protagonista sarà quello organizzato dall'Aps Woodvivors  è sostenuto dal Parco nazionale: un viaggio attraverso l'Italia con due mule e un'asina pantesca per realizzare una ricerca e un documentario sulle attività contadine.

l'Asina Titina della Cantina Basile- credit Fabrizio Basile
Firma del protocollo da sinistra, Mario Candore, Toni Scilla, Salvatore Gabriele, Antonio Parrinello.
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2021 - Ente Parco Nazionale Isola di Pantelleria