Vai alla home di Parks.it
Mappa interattiva
Mostratevi online ai lettori di Parks.it

Arrivati a Pantelleria gli asini panteschi

(Pantelleria, 17 Giu 21) Sono tre splendidi esemplari di asino pantesco e sono arrivati a Pantelleria e sistemati nella loro nuova dimora presso il Centro visita del Parco Nazionale a Punta Spadillo.

Gli esemplari provengono dall'allevamento dell'ex Azienda regionale Foreste "San Matteo" a Erice che dal 1989 ha avviato un progetto pilota per la ricostituzione della razza asinina pantesca consentendo, nel 2006, l'iscrizione al registro anagrafico delle razze equine di questo asino che era ormai in via d'estinzione.

A Pantelleria tornano, quindi, uno stallone e diverse riproduttrici, mentre un'esemplare femmina sta partecipando all'impresa "Woodvivors": un viaggio di 2.500 chilometri, da Pantelleria al Piemonte, lungo il Sentiero Italia. Un trekking ideato da Francesco Paolo Lanzino e patrocinato, tra gli altri, dal Parco Nazionale. Al termine del viaggio l'asina pantesca chiamata Iris raggiungerà il suo gruppo a Pantelleria. 

Gli asini panteschi vengono reintrodotti nell'Isola grazie ad un accordo sottoscritto lo scorso aprile a Palazzo Orléans, tra l'assessore regionale dell'Agricoltura, Toni Scilla, il direttore del dipartimento dello Sviluppo rurale e territoriale, Mario Candore, e il direttore del Parco nazionale di Pantelleria, Antonio Parrinello, alla presenza del presidente del Parco, Salvatore Gabriele, e il direttore generale del dipartimento Agricoltura, Dario Cartabellotta.

Questo progetto pone al centro la tutela, la conservazione e la valorizzazione dell'asino pantesco che torna così a popolare un habitat a cui appartiene di diritto e che si arricchisce in termini di biodiversità.

Nelle prime fasi di reintroduzione gli asini avranno bisogno di un periodo di adattamento che sarà monitorato dal personale del Parco Nazionale. Si valuterà così la loro capacità di adattamento e gli si darà il tempo di diventare confidenti. Successivamente di sperimenterà il loro progressivo inserimento nell'attività lavorative sia nelle attività agricole che nel turismo. Gli obiettivi, infatti, sono anche quelli di creare un circuito di trekking a dorso l'asino, una fattoria didattica e un centro di pet therapy.

Esprime grande soddisfazione il Presidente Salvatore Gabriele: "Gli Asini ritornano nel loro habitat naturale, l'isola dove sono nati. Un grazie al Dipartimento Sviluppo Rurale e agli operatori della forestale che li hanno allevati dopo un lungo percorso di selezione genetica. Il Parco Nazionale ha assunto il compito di riportarli sull'isola e il dovere di accudirli. Esprimo un ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito e che contribuiscono a questo progetto. Nelle prossime settimane sarà cura del Parco Nazionale e dei ragazzi della forestale di Pantelleria creare dei momenti di visita a Punta Spadillo."

 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
© 2021 - Ente Parco Nazionale Isola di Pantelleria