Vai alla home di Parks.it
 

In settimana, lungo il Po: 6000 ore per la natura!

(28 Set 22) Si è concluso in questi giorni il progetto "In settimana, lungo il Po", cofinanziato dalla Regione Piemonte e dall'Ente di gestione delle Aree protette del Po piemontese, con la collaborazione della Cooperativa sociale Marcondiro, che ha dato lavoro per oltre sei mesi a sei disoccupati, per un totale di quasi 6000 ore di lavoro.

Questa attività si inserisce nei Progetti di Pubblica Utilità (PPU), interventi di carattere straordinario finanziati con il Fondo Sociale Europeo, che prevedono l'inserimento di persone disoccupate in imprese private, con contratto di lavoro a tempo determinato, per svolgere, per conto di un Ente pubblico, lavori di pubblica utilità.

La Cooperativa sociale Marcondiro ha assunto, tramite il Centro per l'impiego di Casale Monferrato, sei persone che, durante la primavera/estate, hanno prestato il loro servizio per la cura e la valorizzazione del paesaggio fluviale che caratterizza le Aree protette di competenza dell'Ente-Parco.

Fondamentale è stato il contributo dei lavoratori PPU nelle cure colturali finalizzate alla costituzione della foresta condivisa: la particolare situazione climatica e l'eccezionale siccità della scorsa estate hanno reso indispensabile l'attività di irrigazione di soccorso per le piante messe a dimora dall'Ente-Parco. Queste cure aggiuntive determinate dalle condizioni meteorologiche hanno occupato per un gran numero di ore i lavoratori che, sempre nell'ottica della realizzazione della foresta condivisa, si sono dedicati anche al taglio delle erbe infestanti.

Il miglioramento delle aree adibite alla fruizione si è concretizzato in lavori di manutenzione delle infrastrutture quali arredi, segnaletica e punti informativi distribuiti sul territorio.

Particolare attenzione è stata dedicata ai siti interessati dal progetto "Vivere il Po a Casale Monferrato"che si svolge con il partenariato dell'Ente-Parco e del Comune di Casale Monferrato e che vede la Compagnia di San Paolo come maggior sostenitore.

Per il secondo anno consecutivo l'Ente-Parco ha usufruito di questa formula contrattuale, che, per sua regola, in ogni edizione prevede l'assunzione di nuovi soggetti e non il rinnovo a chi ha già prestato servizio secondo questa modalità.

Ciò consente di formare sempre nuovi lavoratori, grazie anche al supporto della Cooperativa Marcondiro, la quale, attraverso l'assistenza di un tutor specializzato, segue gli operatori durante tutto il periodo contrattuale.

Ora che anche questa collaborazione è giunta al termine, il bilancio è più che positivo: è stato svolto un importante lavoro per il miglioramento ambientale e fruitivo di alcune aree di competenza dell'Ente-Parco. Da non sottovalutare il risvolto sociale di questi progetti, che contribuiscono alla formazione di soggetti disoccupati in vista di un futuro avviamento lavorativo, grazie all'esperienza acquisita che possono inserire nel loro curriculum.

E a noi non resta che augurare buona fortuna a questi ragazzi, in attesa di ripetere l'esperienza nel prossimo anno con nuovi operatori!

Il gruppo di lavoratori PPU (Foto di Raffaella Amelotti)
Il gruppo di lavoratori PPU (Foto di Raffaella Amelotti)
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
© 2022 - Ente di gestione delle Aree Protette del Po piemontese - p. iva 06398410016