Vai alla home di Parks.it

Punti d'interesse

Scavo archeologico Tempio romano
Scavo archeologico Tempio romano

La Storia

Il Parco dell'Uccellina, pur essendo un territorio caratterizzato da una folta vegetazione, pullula di testimonianze storico-artistiche di grande importanza, molto eterogenee fra loro, risalenti a varie epoche e frutto di realtà ed esigenze diverse. Il territorio del Parco è oggi suddiviso fra i Comuni di Grosseto, di Magliano in Toscana e di Orbetello, mentre anticamente la zona subì varie dominazioni.

Altre informazioni


 
 
 

Le Torri

Nel XV secolo la minaccia sempre crescente della potenza turca fu una delle maggiori preoccupazioni per i sovrani occidentali in quanto la pirateria faceva parte della politica marinara di queste popolazioni. I pirati infatti avevano l'obbligo di dividere il bottino con il loro governo, pertanto questa attività rappresentava per esso uno dei maggiori cespiti di guadagno; inoltre, va considerato che i pirati non si limitavano ad assalire le navi, ma facevano anche scorrerie e razzie sulla terraferma. Queste incursioni durarono, anche se con minore intensità, fino a tutto il XVIII secolo.

Torri visitabili

  • Castelmarino
  • Collelungo
  • Torre dell'Uccellina

Altre informazioni


 
 

Il Complesso di San Rabano

Il complesso abbaziale di San. Rabano, posto a cavallo tra Poggio Lecci e Poggio Alto, risulta indicato alla fondazione, avvenuta nei primi del XII sec., come Monasterium Arborense o Monasterium de Arboresio o Alberese.
L'etimologia del nome rimane incerta fra le parole arbor, albero, e albarium, riferito alla pietra biancastra dei monti dell'Uccellina. Nel primo documento che si conosca il nuovo nome sembra soppiantare un precedente Sancta Maria de Arboresio, mentre successivamente viene semplicemente indicato come Domus et loci ordinis Sancti Benedecti de Arboresio. Per quanto diffusa, sembra poco probabile l'ipotesi della derivazione del nome attuale da un più antico romitorio posto più a valle, mentre è da ritenersi più valida la teoria che vede nascere "S. Rabano" come uso improprio e arbitrario del nome Sancti Rafani Praeceptor costruttore della chiesa terminata nel 1587 in Alberese e ritenuto, dalla critica sette - ottocentesca, l'ultimo Abate dell'Abbazia. Il complesso, sorto nell'XI sec. come insediamento benedettino cassinese, raggiunse il pieno sviluppo soprattutto nel corso del secolo successivo ad opera dei benedettini cistercensi.

Altre informazioni


share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2017 - Ente Parco Regionale della Maremma