Vai alla home di Parks.it

Punti d'interesse

I Comuni del Parco

Il Parco, previsto dalla legge 9 dicembre 1998, n. 426, è stato istituito con il D.P.R. 10 marzo 2004 (G.U. N. 152 del 1° luglio 2004). Ha una superficie complessiva di 68.077 ettari e il suo territorio interessa la Regione Puglia, la Provincia di Bari e quella di Barletta, Andria e Trani, le Comunità montane della Murgia Nord Occidentale e della Murgia Sud Orientale, e 13 Comuni.

Altre informazioni


 
Castel del Monte
Castel del Monte

I Tesori del Parco

La visita al Parco dell'Alta Murgia non può non comprendere quella delle tredici città che lo circondano. Tra le tante emergenze si segnalano le aree archeologiche come quella di Botromagno, a Gravina, (34 ettari), le architetture di pietra e di tufo dei centri storici, le cattedrali romaniche (Altamura, Bitonto, Ruvo) i musei (Museo Ettore Pomarici Santomasi di Gravina, Museo Jatta di Ruvo, il Museo Archeologico Statale di Altamura).

Di particolare rilievo è anche l'eccezionale scoperta, avvenuta nel 1993 presso il Pulo di Altamura, del sepolcro millenario di uno dei primi antenati dell'uomo, che conferma la frequentazione umana del territorio già durante la preistoria. Si tratta dello scheletro di un ominide trovato intero e perfettamente conservato (caso unico al mondo), appartenente ad una specie arcaica di Homo, vissuto tra i 200 mila e i 400 mila anni fa.
Altra grande scoperta è quella che nel 1999 ha portato alla luce, in una cava dismessa tra Altamura e Santeramo, un giacimento di orme di dinosauri. Distribuite su un'area di circa 12.000 metri quadrati sono state rinvenute più di 30.000 impronte di dinosauri, molte delle quali incredibilmente intatte e nitide. Si tratta del giacimento paleontologico più ricco al mondo.

A dominare i lati opposti dell'altopiano, lungo le antiche arterie romane della via Appia e della via Traiana, sono i castelli normanni di Gravina, del Garagnone, e quello, voluto da Federico ii di Svevia, di Castel del Monte. Il fascino di questa costruzione, è forse incomprensibile se la si astrae dalla sua collocazione: dorato come le colline calcaree dalle quali furono estratti i grandi blocchi di pietra di cui è fatto, Castel del Monte corona la sommità delle Murge come un monumento alla bellezza.


 

Jazzi, masserie e l'architettura rurale

Le attività prevalenti che l'uomo ha esercitato in sintonia con la vocazione d'uso del territorio, quali la pastorizia e l'agricoltura, hanno dato vita a forme di organizzazione dello spazio estremamente ricche e complesse: estesi reticoli di muri a secco, villaggi ipogei e necropoli, chiese rupestri e cappelle rurali, cisterne e neviere, trulli, ma soprattutto innumerevoli masserie da campo e masserie per pecore, i cosiddetti jazzi, che sorgono lungo gli antichi tratturi della transumanza.
Le masserie dell'Alta Murgia riassumono tutte le tipologie delle masserie di Puglia, sia per le diversità d'impiego, sia per l'ampia conformazione delle articolazioni architettoniche.
Con la prima fase della penetrazione basiliana, eremitale e anacoreta, nacque quella stupefacente e misteriosa civiltà rupestre che segnò tutta la Puglia, lungo le lame, le gravine e i solchi torrentizi. Molte chiese rupestri e cappelle, furono realizzate tra il IX e XIV secolo d.C. mentre masserie e aratie regie vennero costruite durante tutto il periodo normanno-svevo-angioino
A partire dal xv secolo, per proteggere gli animali nelle rigide notti invernali, collocate nei luoghi più esposti a mezzogiorno e riparate dal vento di tramontana, sorsero le strutture architettoniche destinate all'allevamento ovino che presero il nome di "jazzi" e che affollano e movimentano ancora oggi le distese pietrose delle Murge.


share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2017 - Ente Parco Nazionale dell'Alta Murgia