Vai alla home di Parks.it

Pesce locale e niente plastica e sprechi a tavola: il cenone sostenibile è servito

Appello delle Aree Marine Protette di Punta Campanella, Regno di Nettuno e di Slow Food Campania. "Scegliendo i prodotti giusti si possono rispettare gusto, tradizione ma anche il mare e l'ambiente. E niente datteri nel piatto"

(Massa Lubrense, 30 Dic 19) Alici, sugarello, sgombri, aguglia, lampuga e altri pesci e crostacei locali. Gli ingredienti giusti per preparare un gustoso cenone di capodanno, rispettando la tradizione ma anche l'ambiente e il mare. È l'appello lanciato dall'Area Marina Protetta di Punta Campanella e da Slow food Campania alla vigilia dell'ultimo dell'anno. Con prodotti locali e disponibili in gran quantità si possono preparare antipasti, primi e secondi piatti di mare nel solco della tradizione. Insieme a lenticchie e verdure sfuse, senza packaging e senza posate di plastica usa e getta si può festeggiare rispettando anche l'ambiente. 
"Compriamo pesce povero, eccedentario e locale. È buono e fa bene alla biodiversità del nostro mare e alla piccola pesca artigianale" dichiara Antonino Miccio, direttore delle Amp di Punta Campanella in penisola sorrentina e Regno di Nettuno a Ischia e Procida. 
All'appello si uniscono il Presidente del Parco di Punta Campanella, Michele Giustiniani e il presidente di Slow food Campania, Alberto Capasso che aggiunge: "il 33,1% delle specie nel Mediterraneo sono pescate al di là del loro limite biologico sostenibile. E si stima che nel 2050 negli oceani ci saranno, in peso, più rifiuti plastici che pesci". Un'emergenza da combattere anche e soprattutto a tavola. Assolutamente vietati anche i datteri di mare. "Per un piatto con i datteri viene distrutto un metro quadro di fondale- sottolinea Raffaele Di Palma, responsabile comunicazione Amp Punta Campanella- In questi giorni invitiamo tutti a denunciare pescherie e ristoranti che vendono o servono datteri, contattando la Capitaneria di Porto che sta facendo un gran lavoro per debellare questa organizzazione criminale che ditrugge le nostre coste".
 "Tra i pesci da evitare anche il salmone, il tonno rosso, i bianchetti, la corvina, la magnosa, il pangasio, il merluzzo, la cernia bruna-osserva Carmela Guidone, responsabile Centro Educazione Ambientale Punta Campanella- Anche il pesce ha una sua stagionalità e scegliere il pesce di stagione significa mangiare pesce locale e non congelato".  
Attenzione, infine, anche a non sprecare. "Evitate di produrre grandi dosi di cibo- il consiglio di Giuseppe Orefice, tecnologo alimentare e membro del Comitato esecutivo di Slow Food Italia- È vero che queste feste sono momenti per mangiare tanto, ma la cosa più importante dovrebbe essere la convivialità tra amici e parenti, non tanto la quantità. Cercate di non abbondare e riducete gli sprechi»

 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2020 - Consorzio di Gestione dell' Area Marina Protetta Punta Campanella