Vai alla home di Parks.it

Canestrello

Canestrello
Canestrello
Canestrello
Canestrelli
Canestrello
Canestrelli di Borgofranco d'Ivrea
Canestrello
Canestrelli biellesi
Canestrello
Canestrelli di Polonghera
PAT - Prodotti Agroalimentari Tradizionali


Definizione
Con la stessa denominazione "canestrello" vengono prodotti in differenti aree del Piemonte (Canavese, Valsusa, Biellese) dolci tipici che presentano ingredienti, metodiche di produzione e caratteristiche organolettiche-sensoriali differenti.
Il nome "canestrello" deriva dai tipici recipienti di vimini intrecciati, detti appunto "canestri", nei quali si riponevano i dolci dopo la cottura.
Il canestrello è un dolce molto sottile, fragile e che presenta forme irregolari dovute alla sua preparazione. Gli ingredienti base del canestrello sono la farina, il burro, le uova e lo zucchero. A seconda delle zone di produzione e delle preferenze, possono inoltre essere aggiunti vaniglia, cacao, nocciola, limone, arancia, caffè, menta, cocco, pistacchio, noce moscata, chiodi di garofano, rum, vino bianco, vino rosso, marsala, latte.

  • Metodiche di lavorazione: Per preparare i canestrelli occorre amalgamare prima tutti gli ingredienti asciutti sino ad ottenere un composto di colore omogeneo, quindi, aggiungere gli altri ingredienti e impastare bene il tutto. Dall'impasto, diviso in pezzetti, vengono modellate tante palline, che vengono poi schiacciate tra due lastre di ferro, poste all'estremità di una lunga pinza. La pinza viene quindi posta direttamente sul fuoco, alternando i due lati, per circa trenta secondi (la tradizione dice "per il tempo di un Avemaria recitata con devozione"). Sulle lastre sono normalmente incise le iniziali della famiglia alla quale apparteneva il curioso strumento, insieme con altri simboli e disegni; durante la cottura tali segni grafici vengono trasferiti in rilievo sulla superficie del canestrello.

  • Zona di produzione: I canestrelli sono un prodotto tipico di Borgofranco d'Ivrea, di Ivrea, di Mazzé, di Montanaro, di Rondissone tutti comuni canavesani, ma anche di Vaie (TO) e di altri comuni della Valle di Susa, di Polonghera (CN) e di Crevacuore (BI). I canestrelli presentano queste differenze fra loro: più spessi e con grigliature rilevate quelli di Vaie e della Valsusa, sottili e con grigliatura leggera quelli di Montanaro; simili a monete medievali quelli di Tonengo di Mazzè e Polonghera, croccanti, sottilissimi e impressi con stemmi di famiglia quelli di Borgofranco d'Ivrea.

  • La storia: L'origine dei canestrelli risale, probabilmente, al tardo Medioevo, quando venivano chiamati "nebule" e costituivano una sorta di variante alla produzione delle ostie della liturgia cattolica. Una data certa della produzione della caratteristica cialda nel territorio dell'antico Principato di Masserano e Marchesato di Crevacuore si ha grazie al ritrovamento di un esemplare del caratteristico attrezzo in ferro per la cottura dei canestrelli, recante la data del 1750. Il primo documento scritto di cui si ha notizia e nel quale compaia la parola "canastrelli", risale all'anno 1805. Si tratta della "Notice sur l'arrondissement de Bielle, Département de la Sésia", un manoscritto cartaceo redatto durante la dominazione napoleonica e conservato nella Biblioteca Reale di Torino (misc. 82/17). Questo è quanto vi si legge: "Boulangerie - Patisserie, c'est dans l'arrondissement et principalement à Bielle que se fait le meilleur pain de tout le Piémont. On ça envoie a Verceil et aussi a Turin, sour tout de celui en petit baton, vulgariement nommè Cressin ou Grissini. On y fait aussi d'excellent Canastrelli, espece de patisserie dans que le chocolat est la base fort estimee et de que on fait envois dans beaucoup de villes".
    Per quanto riguarda la preparazione dei canestrelli, esiste la documentazione relativa ad alcune ricette di famiglie crevacuoresi, ma si tratta sempre di scritti risalenti alla fine dell'Ottocento o all'inizio del Novecento, in quanto per molti decenni la ricetta è stata tramandata oralmente da madre a figlia. Esaminando i differenti scritti pervenuti, si può notare come vi fosse la tendenza a personalizzare le ricette, le quali, quindi, non presentano i medesimi ingredienti o le medesime quantità. Ovunque i canestrelli erano utilizzati per allietare le occasioni importanti: i matrimoni, le feste patronali, il carnevale. Il canestrel è sempre stato ed è tuttora il dolce nuziale di Tonengo di Mazzè.

  • Tutela legislativa: Il canestrello è classificato come "Prodotto agroalimentare tradizionale del Piemonte", ai sensi dell'art. 8 del D.lgs. 30 aprile 1998, n. 173, del Decreto Ministeriale n. 350 dell'8 settembre 1999 e dell'Allegato alla Deliberazione della Giunta Regionale del Piemonte del 16 aprile 2013, n. 51-5680.

  • Ricetta dei canestrelli di Tonengo:
    Ingredienti:
    - mezzo chilo di farina
    - due etti e mezzo di burro
    - due etti e mezzo di zucchero
    - una bustina di vaniglia
    - una noce moscata grattugiata
    - la scorza di un limone grattugiata
    - un bicchiere di buon vino bianco
    - un bicchierino di rhum e un uovo intero

    Amalgamate prima tutti gli ingredienti asciutti sino ad ottenere un composto di colore omogeneo; quindi aggiungete tutti gli altri ingredienti e impastate bene il tutto. Formate con la pasta dei pezzetti grossi come noci, riporli uno per volta nell'apposito ferro di ghisa, ben caldo e unto di burro e, rivoltando il ferro da ambo le parti, cuocere per alcuni minuti sopra il fuoco, finché il canestrello assumerà un bel colore ambrato.

 

I produttori segnalatiLocalità
 Panetteria Fior di Forno di Erica DurandAndrate (TO)
 Giugler Chiara AlimentariBorgofranco d’Ivrea (TO)
 Laboratorio Ferrando Aldo MarioBorgofranco d’Ivrea (TO)
 Pasticceria Motta di Motta FrancoBorgofranco d’Ivrea (TO)
 Panetteria Bagnasacco GianniMontanaro (TO)
 Pasticceria GemmoMontanaro (TO)
 Pasticceria La Dolce ArteMontanaro (TO)
 Al forno di Orru’Rondissone (TO)
 La Boutique del dolceTonengo di Mazzè (TO)
 Pasticceria Scavarda LucaTonengo di Mazzè (TO)
 Il Dolce Canavese di Bruna MilanesioChivasso (TO)
 Pasticceria Scalenghe s.n.c. di Giovanni MorraPoirino (TO)
 Alimentari FlaminiaVaie (TO)
 I Sapori della Valle di Susa di Rossetto Giacchierino SusiVaie (TO)
 Laboratorio J Canestrei 'd Flaminia di Cortese KatyaCondove (TO)
 Panificio Patti&C sncPonderano (BI)
 Fortunio - Canestrello BielleseBiella (BI)
 Pasticceria JeantetBiella (BI)

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2017 - Ente di gestione delle Aree Protette del Po Torinese - p. iva 06398410016