Vai alla home di Parks.it

Parco Naturale Regionale Monti Simbruini

www.simbruini.it

Avvio del Programma Pluriennale Piano di Sviluppo Economico-Sociale (PPPES).

(Jenne, 10 Gen 19) La comunità del Parco elabora il programma pluriennale di promozione economica e sociale di durata quinquennale, la redazione del suddetto programma è stata affidata al Parco.
Il Piano prevede: sovvenzioni per la tutela delle caratteristiche ambientali e paesaggistiche e delle tipologie edilizie, interventi a favore di impianti di depurazione e per il risparmio energetico, del turistico-naturalistico, l'integrazione tra gli operatori locali per l'esercizio di attività tradizionali, artigianali, agroforestali, culturali, sociali e di iniziative atte a favorire lo sviluppo di un turismo ecocompatibile, corsi di formazione, in conformità alle indicazioni del piano regionale di formazione professionale, al termine dei quali è rilasciato il titolo ufficiale ed esclusivo di guida dell'area naturale protetta.
Erano presenti oltre al Presidente del Parco dott. Panzini, al Direttore dott. Di Cosmo, il Sindaco del Comune di Subiaco dott. Pelliccia, il Sindaco del Comune di Camerata Nuova Liberati, il Sindaco del Comune di Cervara di Roma Alivernini, il Sindaco di Filettino dott. Taurisano e il rappresentante del Comune di Trevi nel Lazio Stefano Salvatori, il Presidnte dela X Comunità Montana dott. Romanzi, il Presidente della XII Comunità Montana dott. Bellucci, il Presidente del GAL Simbruini-Ernici dott. Rondinara e il dott. Fabio Brini di Astrolabio 2000 che ha presentato il PPPES agli addetti ai lavori, supportato dal Geologo Marco Vinci e dall'Architetto Marcello Mari. Dalle parole del Presidente Panzini e confermate dal Sindaco Pelliccia si evince che il PPPES, insieme al Piano d'Assetto e al Regolamento del Parco è uno strumento di lavoro fondamentale al raggiungimento degli obiettivi di salvaguardia ambientale, delle tradizioni locali e soprattutto di sviluppo socio economico mirato al benessere delle popolazioni,con particolare attenzione alle fasce più giovani di queste zone che insieme a quelle di alcune aree del reatino rappresentano, purtroppo, l'avanguardia regionale della disoccupazione e dello spopolamento
dei piccoli centri.
Un ringraziamento arriva al Direttore del Parco il dott. Di Cosmo dal Presidente e dai Sindaci per l'impegno profuso al recupero di fondi ormai ritenuti perduti e messi a disposizione per la creazione appunto di questo grande strumento di crescita.
Senza entrare troppo in merito ai tecnicismi del Programma si sottolineano i punti salienti del lavoro e delle aspettative di risultato, infatti partendo sempre dalla tutela e salvaguardia del patrimonio naturale, passando per quella della storia e delle tradizioni locali si tende ad una crescita del turismo in tutte le sue forme, anche le più innovative come il "geoturismo" presentato dal geologo Marco Vinci, senza però perdere di vista i valori tradizionali.
I tecnici incaricati della redazione del Piano hanno presentato un PROGRAMMA DEI LAVORI diviso in 4 fasi:

FASE 1

Avviamento: analisi documenti programmatici, incontri di mobilitazione della Comunità locale, avvio della formazione dei parternariati, verifica e approvazione delle attività svolte;

FASE 2

Diagnosi strategica: analisi strumenti di pianificazione e documentazione esistente, studio dei flussi economici e delle condizioni sociali, ricognizione dei canali di finanziamento disponibili, analisi di benchmark, analisi SWOT, concertazione, verifica e approvazione delle attività svolte;

FASE 3

Pianificazione dei risultati: definizione obiettivi e strategie del PPPES, definizione preliminare degli interventi, stesura documento preliminare, verifica parco progetti della Comunità locale e documento preliminare, verifica e approvazione delle attività svolte;

FASE 4

Redazione del documento definitivo: redazione schede dei progetti, individuazione priorità, strumenti di attuazione e monitoraggio, redazione documento definitivo, acquisizione parere preliminare del Parco sul documento definitivo, presentazione documento definitivo alla Comunità del Parco.
A conclusione dei lavori, su proposta del Presidente dr Panzini, si è stabilito di procedere immediatamente con la fase 1 che prevede il primo incontro di lavoro a partire dalla mattina di mercoledi 16 gennaio alle ore 10,30 con il Comune di Cervara e a seguire con il Comune di Camerata Nuova mentre, nel pomeriggio dello stesso giorno, dalle ore 15,00 si continua con la X C.M. dell'Aniene, il Comune di Subiaco e il GAL territoriale.

Subiaco 9 gennaio '19 Porta del Parco
Subiaco 9 gennaio '19 Porta del Parco
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2019 - Parco Naturale Regionale Monti Simbruini