Vai alla home di Parks.it

Parco Naturale Regionale Monti Simbruini

www.parcomontisimbruini.it
 

Risultati del monitoraggio degli anfibi 2022

(Jenne, 30 Giu 22) Si è concluso, per il 2022, il monitoraggio degli anfibi nel Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini allo scopo di stimare l'abbondanza e la distribuzione delle specie. La raccolta dei dati è stata eseguita dal Servizio Naturalistico, dal personale Guardiaparco e dai volontari del Servizio Civile Universale del progetto "Monitoraggi faunistici sui sentieri delle aree protette" al fine di confrontare le attuali distribuzioni con quelle dei precedenti anni per poter attuare piani di intervento e conservazione.

Per la raccolta dati sono stati monitorati fontanili, volubri (bacini artificiali per la raccolta dell'acqua) e corpi idrici permanenti e temporanei presenti sul territorio. Sono stati rilevati i parametri abiotici, come pH, temperatura, ossigenazione e conducibilità, annotate le specie target di anfibi e altri organismi presenti; i dati sono stati successivamente inseriti nel database per costruire uno storico delle popolazioni di anfibi, utile anche al rilascio di nullaosta per eventuali opere di ristrutturazione.

Nell'anno corrente i primi anfibi in attività sono stati contattati alla fine dell'inverno, probabilmente complice la prolungata aridità della stagione invernale.

Attualmente sono state segnalate otto specie di anfibi: salamandra pezzata (Salamandra salamandra), salamandrina di Savi (Salamandrina perspicillata), tritone punteggiato (Lissotriton vulgaris), tritone crestato (Triturus cristatus), rospo comune (Bufo bufo), rana dalmatina (Rana dalmatina), rana appenninica (Rana italica) e rana verde (Pelophylax spp.).

Differentemente dall'anno precedente non è stata rilevata la presenza dell'ululone appenninico (Bombina pachypus), specie di interesse comunitario, segnalata dalla IUCN come specie in pericolo di estinzione.

L'attività umana ha causato direttamente e indirettamente una drastica diminuzione della popolazione degli Anfibi, sia per le modifiche dell'habitat che per la profonda trasformazione del territorio, per questo il Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini da anni, oltre a tutelare le specie, cerca di sensibilizzare i visitatori e gli abitanti a una maggiore attenzione nei riguardi delle popolazioni locali di anfibi.

A cura dei volontari del Servizio Civile Universale del progetto "Monitoraggi faunistici sui sentieri delle aree protette".

Salamandra pezzata
Salamandra pezzata
Tritone crestato
Tritone crestato
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
© 2022 - Parco Naturale Regionale Monti Simbruini