Vai alla home di Parks.it

Parco Nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena

www.lamaddalenapark.it

Punti d'interesse

Spiaggia rosa
Spiaggia rosa

Le spiagge più famose del Mediterraneo

Con i suoi 180 km di coste, nell'Arcipelago sono presenti alcune tra le spiagge più celebri e suggestive del Mediterraneo; si ricordano in particolare la Spiaggia Rosa e del Cavaliere a Budelli, le spiagge di Cala Coticcio e quella del Relitto a Caprera, Cala Corsara e Cala Granara a Spargi.
Danno una caratteristica al paesaggio unica le insenature e cale che determinano una miriade di approdi naturali oltremodo articolati, consentendo di trovare luoghi in grado di dare comunque sicurezza ai naviganti in diverse condizioni di mare. A queste, sono strettamente correlati i colori del mare che hanno reso  celebre in tutto il mondo l'Arcipelago, in particolare Porto Madonna, Cala Corsara, Spiaggia di Cala Lunga di Razzoli, Santa Maria, Cala Coticciu.
Le isole dell'Arcipelago sono il risultato di processi geologici che hanno inizio con l'orogenesi ercinica alla fine dell'era paleozoica. Una successione di lunghi momenti di continuità alternati a fasi trasgressive e regressive marine durante l'era mesozoica e terziaria, unitamente a fenomeni tettonici di sollevamento e abbassamento dell'intera regione, hanno favorito l'accentuarsi di processi geomorfici con la formazione di ampie superfici di spianamento, sia sopra sia sotto il livello del mare attuale, sulle quali rimangono come rilievi testimoni a forma di Inselberg, Thor e superfici terrazzate.


 
Isola di Caprera
Isola di Caprera
Isola di S.Stefano Cava
Isola di S.Stefano Cava

Le isole

Le 62 isole e isolotti che costituiscono l'Arcipelago si estendono per una superficie di 5.134 ettari, la parte marina si estende per 15.046 ettari Il Parco Nazionale ha un'estensione - tra terra e mare - di 20.180 ettari. Uno sviluppo costiero di 180 chilometri. La Maddalena Isola madre e capitale dell'omonimo Arcipelago, è la porta del Parco. E' l'unica isola abitata, fatta eccezione per il borgo di Stagnali nell'isola di Caprera e gli insediamenti di Santa Maria. Caprera: l'isola di Garibaldi. Dopo quella di La Maddalena, è la seconda isola del Parco per grandezza ma è la prima per bellezza delle sue coste e delle sue spiagge e per la particolarità della flora. L'Isola di Budelli è considerata una delle più belle isole del Mediterraneo, nonché simbolo del Parco Nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena per via della presenza di uno dei siti più significativi per la valenza ambientale come la Spiaggia Rosa. Le isole di Razzoli e Santa Maria sono pressochè unite dal Passo degli Asinelli. L'isola di Razzoli è la più esposta a nord e colpisce per la maestosità della sua scogliera e per le forme delle sue rocce, simili a sculture di Henry Moore.
Nibani, Mortorio, Soffi e Camere sono tre isole disposte a sud-est dell'Arcipelago, di fronte alla Costa Smeralda, a poche miglia da Porto Cervo e da Porto Rotondo, meta ambita di migliaia di diportisti. L'isola di Spargi è la più grande delle quattro isole minori dell'arcipelago ed è conosciuta per le sue spiagge poste sul versante orientale. Di natura granitica, ricchissima di acqua e vegetazione ospita numerose specie protette di uccelli. Cala Corsara, Cala Connari, Cala Granara e tante altre insenature circondate da grandi rocce di granito.


 
Panorama
Panorama

Il mare

Per quanto riguarda i fondali marini la posizione dell'Arcipelago all'interno delle Bocche di Bonifacio determina un alto idrodinamismo che, unitamente alla bassa profondità dei canali e la bassissima escursione di marea, favoriscono l'estrema limpidezza delle acque con variazioni di colori che vanno dal turchese, allo smeraldo e all'azzurro e al decisamente blu. Nei fondali, inoltre, sono conservate le forme di erosione granitica emerse durante l'ultima glaciazione 18 Ka B.P. Tali concomitanze di fattori estremamente rare al mondo, fanno sì che il paesaggio marino trovi pochi riscontri in altre parti del mondo. Per quanto riguarda le biocenosi marine, lo sforzo di pesca esercitato dai locali non è stato mai tale da costituire un pericolo di depauperamento delle biocenosi, anche se negli ultimi decenni la situazione è cambiata, a causa del notevole incremento del flusso turistico, dell'azione di ancoraggio delle barche da diporto e della pesca sportiva incontrollata.

Altre informazioni


 
Spiaggia Rosa
Spiaggia Rosa
Spiaggia rosa
Spiaggia rosa

La Spiaggia Rosa

Esaltata per lo straordinario effetto cromatico da Michelangelo Antonioni nel film "Deserto Rosso" primo film a colori del maestro di Ferrara (1964), oggi, grazie alle norme di salvaguardia del Parco è completamente tutelata. La Spiaggia Rosa di Budelli prende la denominazione dalla presenza di un elevata percentuale di bioclasti (derivanti per la maggior parte dalla frammentazione dello scheletro di briozoi, in particolare Miriapora truncata, e foraminiferi, in particolare Miniacina miniacea, di colore rosa) nella composizione sedimentaria delle sabbie. Questi bioclasti hanno origine soprattutto nella prateria a Posidonia oceanica e vanno ad alimentare la spiaggia grazie alle correnti di deriva litorale e alle correnti di fondo. A distanza di più dieci anni dall'introduzione del provvedimento di tutela integrale e dalle norme di salvaguardia, che impediscono gli ancoraggi nella prateria di Posidonia, la spiaggia più famosa del mondo ha ripreso la sua colorazione naturale, quella che stregò il regista e i tanti turisti che negli anni sono stati attirati da quella colorazione così particolare.

Altre informazioni


 
Lo specchio acqueo di fronte alla Spiaggia per cani
Lo specchio acqueo di fronte alla Spiaggia per cani

Spiaggia per cani a Caprera

Al fine di promuovere e sostenere iniziative ed interventi rivolti alla tutela degli animali, alla loro convivenza con la collettività umana e allo sviluppo dell'offerta turistica con servizi diversificati ed aggiuntivi, l'associazione di volontariato A.R.V.E.P.A.N.A. Onlus di La Maddalena ha ideato e promosso, in collaborazione con la Capitaneria di Porto di La Maddalena e grazie al finanziamento dell'Ente Parco Nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena, il progetto "Spiagge per cani a La Maddalena".

Altre informazioni


 
Isola di S.Stefano Cava
Isola di S.Stefano Cava

Cenni Storici

In un mare tra i più seducenti del mondo sono disseminate le isole dell'Arcipelago di La Maddalena. Solo a partire dalla metà del seicento, una piccola colonia di pastori provenienti dalla vicina Corsica, prende possesso dell'arcipelago insediandosi in particolare sull'isola madre di La Maddalena. Le isole fino allora erano disabitate. Le uniche probabili presenze all'interno dell'arcipelago risalgono alle stazioni militari romane e al convento di monaci sull'isola di Santa Maria risalente a metà del duecento. Frequentate da pirati barbareschi per le loro scorribande, le isole dell'arcipelago non furono prima dell'insediamento dei pastori corsi mai popolate. Al centro del Mediterraneo, e degli interessi di traffico marittimo, l'intero arcipelago ha avuto piena consacrazione dagli scritti di importanti autori, autori cinematografici e grandi protagonisti della storia, che hanno lasciato la loro impronta indelebile su queste isole segnando profondamente l'intera vicenda storica della comunità maddalenina.

Altre informazioni


 

Le cave di granito

La qualità del granito, particolarmente a La Maddalena in località Cava Francese e a Santo Stefano, ha dato vita ad una importante attività che ha portato ad un'altissima professionalità con la produzione dei manufatti esportati in tutto il mondo. Le cave di più antica utilizzazione, appaiono recuperate dal punto di vista ambientale sia dallo sviluppo delle croste licheniche, sia dallo sviluppo della vegetazione naturale, mentre le cave più recenti, anche se dismesse, hanno un maggiore impatto nel paesaggio che potrebbe essere ben recuperato anche in considerazione del fatto che queste aree ricadono all'interno dei confini del Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna, recentemente riconosciuto dall'Unesco.

Altre informazioni


 

Le fortificazioni

Per oltre due secoli maestose sentinelle dell'arcipelago, autentici capolavori di architettura militare, elementi inconfondibili del territorio. Lo spazio che le strutture militari occupano nella realtà del nostro territorio non è certamente l'unico, anche se più degli altri né ha condizionato il senso e il destino.
La posizione così centrale di La Maddalena nel Mediterraneo le ha imposto un destino ineluttabile di obiettivo militare fin dal 1767, quando i sardo-piemontesi decisero di occuparla militarmente e farne una base di appoggio alle navi della Regia Marina Sarda, che potevano così incrociare con maggiore sicurezza nelle acque del Nord Sardegna contro i contrabbandieri, contro i Barbareschi e anche contro la sempre paventata riscossa francese.

Altre informazioni


 

Archeologia subacquea

La Maddalena è popolata da poco più di 230 anni. Queste isole, collocate in fondo alle Bocche di Bonifacio, furono viste e conosciute fin dall'antichità. Lo testimoniano le ricerche archeologiche e la stessa mitologia. Tra tutte è doveroso ricordare la nave romana di Spargi, un esempio particolarmente significativo dei reperti archeologici ritrovati nel mondo sommerso del Parco, ma anche la preziosa ed emblematica testimonianza del passaggio delle più importanti marinerie del mondo che sin dall'antichità hanno solcato queste acque.

Altre informazioni


share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2018 - Ente Parco Nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena