Vai alla home di Parks.it

Le guide del PARCO NAZIONALE VAL GRANDE si formano sui temi dell'accessibilità per abbattere le barriere alla montagna per tutti, con il progetto “Sentieri Ritrovati”

(Vogogna, 03 Feb 21) Il corso di aggiornamento, iniziato lunedì 1 febbraio e organizzato dal Formont Val Sesia, è rivolto specificatamente alle Guide Ufficiali del Parco Nazionale Val Grande e tratterà il tema del Turismo e disabilità applicato all'ambito escursionistico e naturalistico-ambientale. 

Il corso è GRATUITO in quanto rientra nel progetto "Sentieri ritrovati" organizzato dalle cooperative Differenza e Aurive, con il sostegno dell'Ente Parco Val Grande e Fondazione CRT. Il corso avrà una durata di 50 ore; suddiviso tra lezioni teoriche e uscite didattiche e sarà valido ai fini dell'aggiornamento professionale regionale. 

Con questa iniziativa il Parco Nazionale Val Grande intende sensibilizzare i professionisti del settore sul tema dell'accessibilità della montagna, fornendo loro gli strumenti per costruire e gestire con competenza proposte escursionistiche accessibili anche a target di persone disabili o anziane.

Il turismo accessibile rappresenta oggi un bisogno culturale e di benessere personale di grande rilievo, ma anche un comparto dell'economia in costante crescita: a maggior ragione in una provincia come il Vco, che è tra le destinazioni turistiche più visitate. A fronte di una richiesta da parte del mercato in crescita, gli operatori turistici hanno bisogno di competenze specifiche sia di tipo tecnico, legate all'approccio alla montagna, che ti tipo relazionale per interagire con persone con disabilità. Il corso rappresenta quindi l'opportunità per gli operatori di apprendere di più sui bisogni specifici dei turisti disabili, che mostrano sempre più interesse verso la montagna e la possibilità di vivere delle esperienze in natura.

Il Presidente del Parco Massimo Bocci dichiara che "la possibilità che tutti possano avvicinarsi alla natura - anche e soprattutto le persone meno fortunate di noi - è un segnale di grande civiltà, oltre al fatto che è ormai fuori discussione che la frequentazione della natura abbia anche importanti funzioni curative. Per questo il Parco Nazionale della Val Grande propone questo momento formativo destinato alle guide che - prime tra tutte - debbono avere gli strumenti per accompagnare in sicurezza persone "fragili". Aggiungo che spero di vedere molte di queste persone frequentare il "Sentiero per tutti" nel Comune di Caprezzo, percorso pensato e realizzato proprio per loro".

Sono 17 le guide del Parco che hanno aderito a questa proposta formativa. Cristina Movalli, referente del servizio Promozione e Conservazione del Parco, evidenzia "il grande coinvolgimento di queste importanti e strategiche figure professionali che sempre più si arricchiscono di un bagaglio utile a offrire occasioni ed esperienze legate una fruizione immersiva nell'ambiente naturale".

Tra le azioni del progetto, svolto anche con la collaborazione delle ragazze del Servizio Civile in servizio al Parco,  rientra anche la mappatura dei percorsi e delle strutture ristorative e alberghiere accessibili del territorio del Parco Nazionale Val Grande, che possono ancora aderire compilando il questionario sull'accessibilità al link: https://forms.gle/2hD85L7zYm21wxrb7.

Il progetto si concluderà con la creazione di itinerari accessibili, un'attività di sensibilizzazione  anche nell'ambito di eventi di escursionismo per tutti, organizzati con il coinvolgimento di associazioni ed enti locali attive in tema di promzione del benessere e la qualità della vita per le persone anziane e disabili.

Per informazioni e per partecipare alle azioni del progetto è possibile scrivere a info@rotellando.it. 

La dr.ssa Cristina Movalli in un momento di formazione con le Guide (foto Ilaria Selvaggio)
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2021 - Ente Parco Nazionale Val Grande