Vai alla home di Parks.it

Riserva Naturale Valle dell'Inferno e Bandella

 
nome fotografia1
Riserva Naturale Regionale Valle dell'Inferno e Bandella (foto di RR Valle dell'Inferno e Bandella)

L'elemento caratterizzante è costituito dal vasto specchio d'acqua (3,4 milioni di metri cubi) del bacino della diga dell'ENEL in prossimità di Levane. Dal Ponte del Romito fino alla diga ENEL, l'Arno ha eroso per una profondità di diverse decine di metri i sedimenti lacustri di diversi periodi geologici e in alcuni tratti, come in prossimità del Castellare, il fiume scorre in un letto incassato nella roccia. Il paesaggio vegetale è costituito da vaste aree boscate (per lo più cerrete) localizzate nei versanti direttamente esposti verso l'invaso e da modeste superfici occupate da arbusteti e colture agrarie. Lungo le sponde e nei numerosi "borri" sono presenti formazioni ripariali arboree a dominanza di salici e pioppi e formazioni ripariali degradate con robinia. Nell'Ansa di Bandella si trovano interessanti formazioni palustri.

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
Carta d'identità
Superficie: 531.00 ha
Province: AR
Istituzione: 1996
Mostratevi online ai lettori di Parks.it
© 2022 - Regione Toscana