Vai alla home di Parks.it

Parco Locale delle Colline Carniche

Banner Locale per la promozione del territorio

Itinerari



Gli Itinerari del Parco

Il territorio del Parco Intercomunale delle Colline Carniche deve il suo nome alla dolcezza dei rilievi che lo articolano. I sei itinerari proposti di seguito consentono di percorrerlo interamente e possono essere una facile e interessante alternativa per escursioni e passeggiate culturali e naturalistiche rivolte a fruitori di ogni età; a mezz'ora di distanza da Udine e rapidamente raggiungibile dall'autostrada A4.
Il territorio comprende una delle più ampie e fertili piane della Carnia ed assume grande importanza in quanto crocevia delle due statali che conducono verso l'Alta Val Tagliamento e il Cadore, l'altra verso il Canale di Gorto e l'Austria.
I centri abitati interessati sono Villa Santina e Invillino, Raveo ed Esemon di Sopra, Enemonzo e le sue frazioni.

Georif.  ItinerarioPercorribilità Interesse
Pineta di Villa Santina - Piana di EnemonzoPineta di Villa Santina - Piana di EnemonzoA piedi A piedi
Facile
2 h
Elevato interesse: geologia Elevato interesse: panorama Elevato interesse: archeologia 
 Raveo - Cuel di Nuvolae - RaveoA piedi A piedi
Facile
2/3 h
Elevato interesse: panorama Elevato interesse: storia 
Raveo - Santuario della Madonna di Monte CastellanoRaveo - Santuario della Madonna di Monte CastellanoA piedi A piedi
Facile
2/3 h
Elevato interesse: panorama Elevato interesse: storia 
Raveo - Villa SantinaRaveo - Villa SantinaA piedi A piedi
Facile
2/3 h
Elevato interesse: flora 
 Raveo Monte ColzaA piedi A piedi
Facile
1 h 30 m
Elevato interesse: flora 
 Villa Santina: Pineta Col di Zuca e Col SantinoA piedi A piedi
Facile
Fino a Col di Zucca 30min; fino a Col Santino 1h



Itinerari Villa Santina e Invillino

Villa Santina ed Invillino possono essere una facile ed interessante meta per escursioni culturali e naturalistiche rivolte a fruitori di ogni età. Si trovano nell'area compresa tra le confluenze dei torrenti Degano e Vinadia con il Tagliamento e sono situate all'interno del Parco Intercomunale delle Colline Carniche, che deve il suo nome alla dolcezza dei rilievi.
Il territorio comprende una delle più ampie e fertili piane della Carnia, ed assume grande importanza in quanto crocevia delle due statali che conducono l'una verso l'Alta Val Tagliamento e il Cadore, l'altra verso il Canale di Gorto. Villa Santina ed Invillino, distanti fra loro non più di 1,5 Km., presentano abitazioni antiche che hanno conservato le originarie caratteristiche dell'architettura minore carnica.
Il capoluogo è ricordato per la prima volta in un atto del 1126 e deve il suo nome al Colle Santino, con ogni probabilità luogo di insediamenti umani fin dalla preistoria, che sovrasta l'abitato di Invillino.
La frazione ha un origine più antica del capoluogo, ed è una delle località carniche maggiormente menzionate dagli storici.
Tra Villa Santina e il torrente Degano si sviluppa la zona di maggiore pregio paesaggistico: la Pineta, circa 60 ettari di bosco percorso da stradine e corsi d'acqua.

Georif.  ItinerarioPercorribilità Interesse
 Case tipiche e vecchi borghiA piedi A piedi
 
Elevato interesse: storia 
 Case tipiche e vecchi borghi: InvillinoA piedi A piedi
 
 I Luoghi di CultoA piedi A piedi
 
Elevato interesse: religione Elevato interesse: storia 
 La Pineta un paesaggio da scoprireA piedi A piedi
 
Elevato interesse: flora 
 Nel segno dell'acquaA piedi A piedi
 
 Percorso delle RogazioniA piedi A piedi
 
 Tracce del Tempo AnticoA piedi A piedi
 
Elevato interesse: archeologia Elevato interesse: storia 

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2017 - Comune di Villa Santina (Comune capofila)