Vai alla home di Parks.it
Mappa interattiva
Mostratevi online ai lettori di Parks.it

Valli di Comacchio

A piedi In bici         Elevato interesse: fauna 

    Sulle ali del Cavaliere d'Italia
    Partendo da Comacchio, in direzione Ostellato, si percorre un tratto della provinciale per svoltare, a destra, sul ponte che conduce verso le aree bonificate; seguendo le indicazioni per Anita (merita una sosta Valle Zavelea) si raggiunge il fascinoso Argine Agosta che costeggia le Valli di Comacchio. Poco prima di arrivare ad Anita si piega a sinistra verso l'area meridionale delle Valli. Valli di Ostellato. Seguendo la strada provinciale per Ostellato che costeggia il canale navigabile, si raggiungono agevolmente le omonime Vallette: un'oasi naturalistica di particolare fascino che offre numerose possibilità di visita.

    I riflessi della valle
    Il circuito nella parte meridionale delle Valli prende avvio poco prima di Anita. Dirigendosi verso la Foce del Reno, a piedi o in bicicletta, è possibile proseguire sull'argine del fiume Reno: l'area è un vero paradiso degli uccelli: fenicotteri, aironi, avocette, gabbiani rosei e corallini. Di grande suggestione, il paesaggio offre angoli d'interesse naturalistico con scorci fra acqua e cielo fra le valli e il fiume.

    Nel mondo dell'anguilla
    Nel mondo dell'anguilla ci si può addentrare a piedi, in bici o a bordo di una barca. Natura, ambiente e storia intrecciate con la tradizione della pesca: è quanto emerge dalla visita ai "Casoni di Valle" - Serilla, Coccalino, Pegoraro - riportati all'antico impianto originale. All'inizio del percorso, in Stazione Foce, è attivo un punto informativo da cui hanno inizio i percorsi in barca nelle valli di Comacchio.

    Altre informazioni

     
    Info:
    Prenotazioni: 340 2534267
    E-mail: vallidicomacchio@parcodeltapo.it
    IAT Comacchio tel. + 39 0533 314154

    Valli di Comacchio
    Valli di Comacchio
     
    share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
    © 2021 - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po