Vai alla home di Parks.it
 

Green snowball effect: percorsi di attivazione gentile della Green Generation

Parco del Mincio partner del progetto ideato da Segni d'Infanzia nell'ambito del Bando Format di Fondazione Cariverona

(Mantova, 20 Gen 22) Per le città di Mantova, Belluno e Vicenza, il 2022 inizia all'insegna di un progetto Green ideato da Segni d'infanzia associazione in partenariato con Parco del Mincio, Atelier Teatro Danza e Rosso Teatro, Dedalofurioso ed exvUoto Teatro, che ha ottenuto il sostegno della Fondazione Cariverona nell'ambito del Bando Format.

Il progetto dal titolo "Green Snowball Effect" prevede un percorso, lungo un anno, fatto di attività, spettacoli e laboratori nei territori di due regioni, Lombardia e Veneto, con l'obiettivo di attivare pensieri e azioni sostenibili nelle nuove generazioni e rendere ragazzi e ragazze, a loro volta, propulsori all'interno della comunità di comportamenti ecologici e rispettosi dell'ambiente.

Grazie al coinvolgimento di divulgatori scientifici e professionisti del settore culturale vengono creati format innovativi insieme a occasioni di confronto creativo in grado di trasmettere, in maniera divertente, conoscenze, strumenti e rituali sociali di attenzione all'ambiente e in grado di proporre un'alleanza fra generazioni diverse.

Qual è lo scopo ultimo? Creare una vera e propria onda verde, generando il cosiddetto "effetto valanga" che si propaga dai più giovani per coinvolgere e sensibilizzare sulle tematiche green, attraverso azioni culturali e anche con l'ausilio di strumenti digitali, sempre più persone, più comunità, più territori.

"La partecipazione del Parco del Mincio al progetto GREEN SNOWBALL EFFECT – Percorsi di attivazione gentile della GREEN GENERATION" spiega il Presidente del Parco Maurizio Pellizzer "si innesta in un percorso che guarda al futuro e ai giovani, con l'obiettivo condiviso di creare una comunità correttamente informata, consapevole, capace di scegliere e di agire in maniera sostenibile. Per incontrare i giovani è necessario saper parlare i loro linguaggi e accedere ai loro luoghi di incontro e di conversazione, che spesso sono digitali "


I territori, le attività e il ruolo dei TEEN
Segni d'infanzia ha creato una rete virtuosa che connette Mantova a Belluno, città sedi di due importanti festival di teatro ragazzi – SEGNI New Generations Festival (diciassette anni nel 2022) e il più giovane Belluno Kids Festival, nato nel 2019 - che si fanno promotori e attivatori dell'onda verde mossa dalle nuove generazioni. Questo processo passa anche per Vicenza grazie al coinvolgimento di Dedalofurioso ed exvUoto Teatro che partecipa ai due festival attivando sensibilità ambientale e realizzando una mappatura emotiva dei territori in relazione ai comportamenti di sostenibilità ambientale attraverso una serie di laboratori con le diverse comunità locali. exvUoto si occuperà inoltre di declinare sul tema la rassegna teatrale "Il giardino di Alice" che si svolge in estate sul territorio di Vicenza.

Grazie a "Green Snowball Effect" a Mantova e a Belluno vengono attivati i laboratori della Ciclofficina (settembre – ottobre 2022) per la creazione di una grande parata ecologica in bicicletta - in collaborazione con FIAB - che attraverserà le strade delle due città inaugurando la settimana europea della mobilità sostenibile; previsti contenuti speciali declinati sulla tematica ecologica sia per i due eventi SEGNI NEW GENERATIONS FESTIVAL a Mantova  e Belluno Kids festival,  sia per il Nabuzardan, storico Carnevale d'arte che quest'anno, nel rispetto della situazione pandemica viene posticipato agli inizi di aprile e "si maschera" in festa di primavera, un vero invito a godersi il risveglio della natura con un evento "ecologico".          

Nel corso di tutto l'anno inoltre sono previsti una serie di laboratori di attivazione della sensibilità ambientale con il coinvolgimento del gruppo di adolescenti mantovani, i TEEN, che in modalità peer-to-peer dialogano, sotto la guida di esperti, con i più piccoli, come fratelli maggiori da prendere a modello. Ad ispirare questa modalità e l'idea stessa del progetto è stato il libro "Vi teniamo d'occhio. Il futuro sostenibile spiegato bene" che vede in dialogo il tredicenne Potito Ruggiero e l'autore e giornalista Federico Taddia. Il progetto, appoggiato dalle amministrazioni comunali, nasce dalla consapevolezza che per suggellare questo patto occorre preparare un terreno condiviso, mettendo in gioco messaggi chiari, semplici e diretti, dando alla green generation strumenti e competenze per acquisire una maggiore consapevolezza delle basi scientifiche, così da contrastare l'effetto boomerang generato dalle fake news e favorire lo sviluppo di empatia. Uno degli obiettivi principali è formare i giovani adolescenti come ambasciatori green mettendo loro a disposizione anche contenuti digitali specifici, fruibili online su segninonda.org.    

I partner
Segni d'infanzia associazione mantovana, da anni attiva in progetti educativi a tema ambientale spesso integrati al festival SEGNI che organizza da diciassette anni, ha deciso di rispondere alla call di Fondazione Cariverona e lo ha fatto beneficiando dell'esperienza e delle relazioni coltivate negli anni con diversi enti sia a livello locale che nazionale. Ha coinvolto nel progetto il Parco del Mincio, partner storico del festival SEGNI, che si occupa di tutela della biodiversità, di interventi di potenziamento e riqualificazione ambientale, creazione di infrastrutture per il cicloturismo e valorizzazione del territorio anche tramite l'ecoturismo e l'educazione ambientale. Mentre fuori regione il festival di Belluno diretto da Atelier Teatro Danza, denominato Belluno Kids Festival, che offre uno spazio "extra-ordinario" per ricreare momenti nei quali grandi e piccoli possano incontrarsi, trasformando gli spazi attraverso eventi artistici per far vivere la città con occhi diversi.  E ancora su Vicenza, Dedalofurioso con i soci di exvUoto Teatro, compagnia fondata da Andrea Dellai e Tommaso Franchin nel 2012, che ha ideato e  sperimentato negli ultimi anni il format della mappatura emotiva di un territorio, progetto teatrale di rigenerazione urbana che si sviluppa attraverso il dialogo con i luoghi e i suoi abitanti. In occasione del progetto gli artisti creeranno una mappatura che permetta di rileggere le città coinvolte secondo i criteri della sostenibilità ambientale.


Chi può partecipare
Il progetto è destinato quindi a scuole, famiglie, adolescenti e cittadini di Mantova, Belluno e Vicenza. 

Come partecipare? Le scuole possono scrivere a ufficioscuole@segnidinfanzia.org per attivare i laboratori gratuiti. 

Nuovi TEEN possono aggiungersi alla squadra e il pubblico e le famiglie possono partecipare agli eventi durante l'intero anno iscrivendosi alle singole attività (per info e iscrizione si rimanda alle newsletter dei vari partner e su segnidinfanzia.org). 

Tanti contenuti digitali da scoprire anche sulla piattaforma gratuita segninonda.org in un palinsesto dedicato al progetto.


L'educazione ambientale che guarda al futuro e ai giovani
L'educazione ambientale rappresenta da sempre una linea strategica nel piano di azione portato avanti dal Parco del Mincio per la tutela, la conservazione e l'estensione del capitale naturale racchiuso nell'area protetta. 

"È un investimento su due beni immateriali che hanno un potere straordinario: la conoscenza e la consapevolezza che, depositate nei cuori delle nuove generazioni, ci auguriamo possano garantire al Pianeta un futuro migliore del presente" spiega il Presidente del Parco del Mincio Maurizio Pellizzer

Da qui la scelta del Parco del Mincio non solo di portare avanti i format tradizionali attraverso i progetti in presenza nelle scuole e le attività di esplorazione nel territorio, ma anche di investire sulle nuove tecnologie per rendere l'educazione ambientale alla portata di un pubblico sempre più orientato ad utilizzare strumenti digitali per informarsi, conoscere e imparare. 

Una tendenza accentuata dall'emergenza sanitaria che, nel settore scolastico in particolare, ha reso evidente la necessità di dotare le scuole non solo di dispositivi e di infrastrutture informatiche efficienti, ma anche di contenuti multimediali accessibili online. Con la recente creazione della piattaforma digitale per l'educazione ambientale http://www.pianetaparco.it/, il Parco del Mincio ha dato risposta a questo fabbisogno mettendo a disposizione una ricca gamma di informazioni per esplorare il rapporto sempre più stretto tra l'ambiente e la salute, tra la biodiversità e i cambiamenti climatici, tra gli obiettivi di Agenda 2030 e la tutela degli ecosistemi del Mincio, tra i comportamenti individuali e l'affermazione di modelli di vita sostenibili. 

Il tema del legame con il territorio resta però centrale nelle scelte attuate dal Parco che, attraverso l'adesione al bando regionale "Territorio, scuola a cielo aperto" per l'anno scolastico 2021/2022, ha elaborato nuove attività di educazione ambientale per la conoscenza del patrimonio naturale di prossimità, con focus legati al ruolo e all'importanza degli ecosistemi naturali, del paesaggio, delle produzioni agricole sostenibili, della cultura e dell'etnografia racchiuse nella storia del Mincio.  

Una delle ultime edizioni di Segni d'Infanzia
Una delle ultime edizioni di Segni d'Infanzia
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
© 2022 - Ente Parco del Mincio